Tel: +39 391 110 3340 | info@poweryogaitaly.com
bclose
Puoi accedere ai nostri corsi in QUALSIASI  MOMENTO dell’anno, anche a corso già avviato. Con i nostri ABBONAMENTI AD INGRESSI hai la possibilità di frequentare con gli orari che preferisci e adattare le giornate ed orari della pratica in base alle tue esigenze.

Orario delle Lezioni

 

Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica
7.00 – 8.00
POWER
VINYASA
YOGA
su prenotazione
10.00 – 11.30
POWER
VINYASA YOGA
10.00 – 11.30
POWER
VINYASA
YOGA

13.10 – 14.10
POWER
VINYASA YOGA
13.10 – 14.10
POWER
VINYASA
YOGA
13.10 – 14.10
POWER
VINYASA
YOGA
17.30 – 18.30
POWER
VINYASA YOGA

18.30 – 20.00
POWER
VINYASA YOGA

18.30 – 20.00
POWER
FUNCTIONAL
18.30 -19.30
POSTURAL
YOGA
18.30 – 20.00
POWER
VINYASA
YOGA
19.30 – 21.00
POWER
VINYASA YOGA
19.30 – 21.00
POWER
VINYASA
YOGA
19.45 – 21.15
ASHTANGA
YOGA
 20.15 – 21.15
POWER
VINYASA YOGA
 20.15 – 21.15
POWER
VINYASA
YOGA

LE ATTIVITA’ CONTRASSEGNATE CON * SI RIFERISCONO AD UN ABBONAMENTO SPECIFICO
LA PROGRAMMAZIONE PUO’ ESSERE SOGGETTA AD ALTERAZIONI SENZA PREAVVISO.

 

Per prenotare le lezioni indicate “su prenotazione” scrivi sms o whatsapp, almeno il giorno prima, direttamente all’insegnate che tiene il corso, ecco i riferimenti:

  • MERCOLEDì ore 7.00 mattina  Power Vinyasa Yoga:  a Silvia 3426069751

Non solo Power Yoga, le altre proposte

YOGA del KASHMIR: Lo yoga del Kashmir è un arte di riassorbimento, di dissolvimento, non uno yoga dell’acquisizione.
Questo particolare tipo di yoga stimola la scoperta corporea di spazi di libertà, senza peso, ne sostanza. Quando si comincia a scoprire che tutta la struttura psicologica vive nella paura del sentire , si scopre quanto le spalle, la glottide, il dorso o il respiro siano sempre sul punto di difendersi. L’esercizio non è finalizzato a liberarsi, ma a rendersi conto fino a che punto si è nella resistenza. Lo yoga non può essere uno strumento: è un arte, la vera arte è dinamica, è celebrazione senza richiesta. L’ascolto corporale in questa tradizione si avvicina all’arte di scoprirne l’armonia fondamentale, a cancellare le dissonanze e a ritrovare i ritmi originali.
Lo yoga del Kashmir viene dal sentimento che ogni percezione ha la sua realtà solo nel silenzio. Invece di cercare di affinare la percezione per arrivare la silenzio, questo yoga tantrico non segue una direzione, semplicemente lascia che la percezione, la coscienza, si riveli completamente e spontaneamente. Ciò che proviene dal silenzio non può essere altro che silenzio. Le tecniche di esplorazione nella pratica sono asana (posture), pranayama (gesti respiratori), bandha (contrazioni nel corpo), shatkarma (tecniche di purificazione), mudra (particolari gesti corporei), nidra (rilassamento), dhyana (riassorbimento/silenzio)

POWER FUNCTIONAL: prevede una parte dedicata ad esercizi funzionali, utili per migliorare forza e agilità, seguita dalla partica Power Yoga con benefici in termini di flessibilità e consapevolezza corporea.

GENTLE YOGA: un’ora di Yoga dinamico adatto a persone di tutte le età, in cui si praticano Asana (posizioni) adatte a tutti, Esercizi di Ricarica di Paramahansa Yogananda, Pranayama (tecniche di respirazione), tecniche di rilassamento e meditazione; ottima pratica per rigenerarsi e riallinearsi  prima di affrontare la giornata positivamente.

POSTURAL YOGA: lezione di Yoga dinamico adatta a tutti con benefici in termini posturali ed energetici sviluppata con esercizi di allungamento e di tonificazione della parte centrale del corpo. L’enfasi è sulla mobilizzazione e l’allineamento della colonna vertebrale. La respirazione è inoltre parte integrante della pratica per sciogliere le emozioni e indurre il rilassamento.

PILATES MATWORK: metodo che si basa sul mantenimento della concentrazione sulla propria postura, sul controllo e ascolto del movimento del corpo al fine di mantenere l’allineamento e tenuta del baricentro con precisione e fluidità, ponendo forte attenzione al respiro. Tecnica adatta a tutti, si pratica a terra, sul tappetino (mat), a corpo libero o con l’ausilio di piccoli attrezzi quali palline, cerchi e fasce elastiche.

SOULSPENSION: in questa lezione ci si sdraia su un tapettino anatomico brevettato in corrispondenza della colonna vertebrale, abbinando posizioni e specifici movimenti in modo dinamico, accompagnati da una respirazione consapevole. Allenta e riequilibria le “catene muscolari” attraverso un lavoro simmetrico e globale. Viene facilitata la respirazione diaframmatica, migliorando l’intero ciclo respiratorio; si allentano quelle tensioni muscolari che imprigionano le articolazioni, alleggerendo l’intera struttura corporea e liberando i movimenti che diventano più fluidi.

ASHTANGA YOGA: consiste in uno stile di yoga dinamico che combina tre aspetti principali: il ritmo del movimento collegato al respiro (vinyasa), le chiusure (bandhas) e lo sguardo (dristhi). Il risultato è il rafforzamento e la purificazione del fisico, del sistema nervoso e della mente. Gli studenti apprendono le asana in un ordine preciso seguondo uno schema ben definito. E’ uno stile rigoroso e impegnativo dal punto di vista fisico, tuttavia lo scopo non è padroneggiare gli Asana più difficili, ma mantenere la concentrazione sulla propria interiorità durante la pratica.

YOGA NIDRA: si pratica in Savasana, in posizione distesa supina. L’insegnante accompagna il rilassamento chiedendo di spostare la propria attenzione interna sulle zone del corpo indicate, è necessario non dormire e muovere il corpo. Il ritiro dei sensi da la possibilità di esplorare se stessi in un modo totalmente cosciente.

MINDFULNESS:  tutti i giorni siamo travolti dalle innumerevoli cose da fare. Questo genera stress e così facendo si perde la capacità di mantenere l’attenzione al momento presente. Mindfulness significa divenire consapevoli del momento presente con attenzione e in modo non giudicante. Durante la meditazione abbiamo la possibilità di sperimentare delle semplici pratiche formali ed informali che ci aiutano ad addestrare la mente a vivere naturalmente il momento presente e ad interrompere l’automatismo dei pensieri. E’ dimostrato che la costante pratica della mindfulness aiuta ad affrontare situazioni stressanti del vivere quotidiano, difficoltà e disagi professionali e favorisce il raggiungimento degli obiettivi,questo addestrando la concentrazione su se stessi e sulle proprie risorse.

Occorrente e consigli per praticare

  • Tappetino Yoga (abbiamo comunque in Studio tappetini ma e’ preferibile che ciascuno abbia il proprio)
  • Asciugamani : si consiglia di portare un asciugamano grande da posizionare sul tappetino ed eventualmente uno piccolo per la detersione del sudore.
  • Acqua : è molto importante idratarsi nelle ore precedenti la pratica , bere quindi almeno dai 2 ai 3 litri d’acqua. Si consiglia di bere prima, durante e soprattutto dopo le lezioni.
Si raccomanda di indossare abiti comodi, leggeri e aderenti per potersi muovere agevolmente.

Evitare di essere eccessivamente coperti, vista la temperatura della sala.

Si pratica scalzi.

  • Si prega di arrivare 10 minuti prima dell’inizio della lezione
  • Essere a digiuno da almeno 2 ore prima della pratica
  • Idratarsi bevendo molto prima e dopo la pratica
  • Comunicate all’insegnante eventuali lesioni o problemi di salute che potrebbero interferire con la pratica
  • Evitare di arrivare in ritardo alla lezione, se dovesse comunque capitare vi preghiamo di entrare in modo da non disturbare il resto della classe
  • Spegnere il cellulare prima di entrare in sala
  • Se dovete andarvene prima della fine della lezione, avvertite l’insegnante e uscite tranquillamente, ma solo dopo il consueto rilassamento…

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva